L'arte della linoleografia. Un'intervista a Léa Marchal


Léa Marchal è un'artista francese residente a Montreuil. Affascinata dall'eloquenza del corpo umano, ha è autrice di un singolare linguaggio artistico votato alla decostruzione degli stereotipi della bellezza. Le sue creazioni armoniose sono un ode al corpo femminile e alla sua potente espressività.


Léa Marchal, © Julia Simone.

Come ti sei avvicinata all'arte?


Sono sempre stata attratta dall'arte nella sua accezione più ampia. Mio padre dipingeva molto e immagino mi abbia trasmesso la sua passione. Successivamente, ho frequentato corsi di disegno e all'università ho scelto di studiare tedesco e storia dell'arte per lavorare nel campo culturale. Ho poi lavorato in due musei francesi e attualmente sto lavorando in un'università, specializzata in storia dell'arte e museologia. Considerando tutto questo credo di poter dire di essere sempre stata immersa nell'arte.


Quali sono le tue influenze?


Fin dalla mia adolescenza, sono sempre stata affascinata dai movimenti cubisti ed espressionisti. Durante i miei studi ho scoperto l'espressionismo tedesco e soprattutto il movimento chiamato “Die Brücke”, che immagino mi abbia influenzato più di altri; La cosa divertente è che molte persone pensano direttamente a Matisse quando vedono la mia arte. Mi piace Matisse, ma non mi sento influenzata da lui. Mi interessano anche le arti orientali e la scultura classica, amo coniugare queste due influenze.


Qual è la parte più difficile della creazione di un'opera?


Il mio processo di creazione richiede molto tempo e vorrei avere più tempo per disegnare perché è una parte davvero importante del mio lavoro. Mi piace disegnare le mie idee spontaneamente, per poi rielaborarle. La parte più difficile è indubbiamente esser soddisfatta delle mie idee e di come le presento al pubblico.


Parlaci della tua giornata lavorativa...


La linoleografia richiede un processo lungo. Prima di tutto disegno molto per essere soddisfatto della mia composizione. Dopodiché, riproduco il mio disegno sul linoleum. Qui inizia il vero divertimento: posso iniziare a incidere sul blocco, che è la mia parte preferita del processo. L'incisione è una sorta di meditazione, un'auto-terapia, che mi permette di rilassarmi, esprimere la mia creatività e soprattutto di reinventarmi attraverso una nuova forma di espressione.


Quanto sono importanti i titoli per i tuoi lavori?


All'inizio ho avuto qualche difficoltà a trovare i titoli e sto ancora lottando con questa parte del mio lavoro. Penso che non ci sia sempre bisogno di un titolo, tranne che per l'arte astratta. Hai solo bisogno di tempo per guardare e immaginare la storia dietro di un'opera. È come in un museo: sai di avere tutte le etichette del tempo accanto alle opere d'arte. Molte persone si limitano a leggere le informazioni senza concedersi davvero il tempo di guardare il lavoro, osservare la tecnica e elaborare ciò che sentono in quel momento.


Come immagini il futuro dell'arte?


Penso che le gallerie, i centri d'arte e i musei non avranno più il monopolio. Le regole del gioco stanno cambiando, se così si può dire. Con le nuove tecnologie, internet e soprattutto con i social network come Instagram, l'arte si sta diffondendo come ogni altro contenuto. Questi nuovi spazi virtuali stanno costruendo comunità e permettono di mostrare ogni forma d'arte globalmente.